MAGAZINE

conto corrente in croazia

In questo nuovo approfondimento, rispondiamo ad alcuni dubbi e domande degli italiani che vogliono aprire un conto corrente in Croazia e non sanno da dove partire. Sei hai intenzione di vivere in questo Paese infatti, una delle prime operazioni che dovrai effettuare è appunto scegliere la migliore banca in Croazia ove potrai:

  • ricevere il pagamento della pensione direttamente sul conto corrente croato;
  • richiedere l’emissione di una carta di debito che ti verrà consegnata poco dopo l’apertura del conto;
  • potrai prelevare in euro;
  • potrai richiedere l’addebito diretto del pagamento relativo delle utenze;
  • disporre e ricevere bonifici nazionali ed internazionali;
  • verificare il saldo e la lista degli ultimi movimenti attraverso l’homebanking o tramite app.

Come puoi agevolmente notare, aprire un conto corrente in Croazia ti permetterà di compiere agevolmente le medesime operazioni che svolgevi con il conto corrente italiano.

È facile aprire un conto corrente in Croazia se ci si reca personalmente presso la filiale di un qualsiasi istituto bancario, eventualmente anche su appuntamento, con documentazione alla mano. Di norma, recarsi di persona presso la filiale di un istituto finanziario permette un più agevole riconoscimento della clientela ed un’apertura di un conto corrente fluida ed immediata.

Puoi però anche aprire un conto corrente online in Croazia, utilizzando il modulo preposto che puoi trovare sul sito del dell’istituto bancario che hai scelto. Dopodiché ti verrà richiesto di firmare della documentazione bancaria, da inviare all’istituto unitamente ad un documento in corso di validità. Questa operazione, però, è valida solo se sei già residente in Croazia, diversamente potresti incontrare qualche difficoltà ad assolvere agli obblighi di riconoscimento della clientela, imposti dalla normativa antiriciclaggio europea. Ti consigliamo questa operazione solo se hai particolare dimestichezza con la lingua locale e padroneggi l’utilizzo delle tecnologie digitali, come smartphone e computer.

Ecco quali sono i documenti per l’apertura di un conto corrente in Croazia:

  • Un documento d’identità in corso di validità, con fotografia;
  • L’OIB (osobni identifikacijski broj) – l’equivalente del codice fiscale – il numero di identificazione personale che viene e rilasciato dall’Ufficio Imposte del Ministero delle finanze. N.B. Spesso gli istituti di credito richiedono la visione del certificato di attribuzione del codice fiscale croato;
  • Documenti reddituali, come la Dichiarazione dei redditi o la Certificazione Unica, se sei pensionato;
  • Una cifra da depositare all’apertura del conto a copertura dei costi di manutenzione;
  • Prova di residenza in Croazia (contratto di locazione, atto di proprietà, promessa di acquisto, ecc). Quest’ultimo elemento non è però indispensabile, infatti, qualora non fossi residente in Croazia, il conto sarà aperto da “non-residente” o residente all’estero. N.B. Tuttavia, in questi ultimi due casi, sarai tenuto a dimostrare il tuo legame con la Croazia al fine di potervi aprire un conto corrente.

 

Tutti gli istituti bancari indicati in alto, ad eccezione della Sberbank, recentemente acquisita dalla Banca postale croata (Hrvatska poštanska banka), presentano un buon rapporto tra crediti deteriorati e crediti lordi, buon segnale di solidità finanziaria degli istituti.

N.B. Il conto corrente non viene aperto contestualmente alla richiesta, ma solo in un momento successivo, dopo gli opportuni controlli e la verifica documentale.

Contattaci